Istituto Comprensivo Statale Porcari

Via Alfredo Catalani s.n.c., 55016 PORCARI (LU)

email:luic84100e@istruzione.it - PEC:luic84100e@pec.istruzione.it

Ricerca
Area Didattica SECONDARIA
«giugno 2019»
lunmarmergiovensabdom
272829303112
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
1234567
13 marzo 2019

Peer Safety Education

progetto ideato dall'Istituto Italiano per la Sicurezza

La “Peer Safety Education” è il progetto ideato dall'Istituto Italiano per la Sicurezza che vede protagonisti gli studenti delle scuole medie e superiori. 

 

Si tratta di utilizzare una strategia estremamente innovativa ed efficace che consiste nel far diventare gli stessi bambini e ragazzi educatori dei loro coetanei, riguardo a tematiche importanti, su cui essi sono stati precedentemente formati. 

Il progetto, avviato lo scorso anno, ha visto la partecipazione del nostro Istituto alla giornata Obiettivo Zero dell’11 maggio 2018, che ha avuto come obiettivo l’accrescimento della cultura della sicurezza e consapevolezza del rischio a partire dalle nuove generazioni. 

Durante quell’evento i ragazzi delle scuole medie hanno sperimentato, attraverso l’esperienza diretta, percorsi creati dagli studenti delle scuole superiori su diversi rischi, come ad esempio quello elettrico, quello chimico legato all’utilizzo delle sostanze pericolose e quello ambientale generato dalla plastica.

Quest’anno invece il progetto ha previsto la “videolezione” degli allievi dell'IIS L. da Vinci-Fascetti di Pisa ai nostri alunni della classe 2° A della scuola media. 

Attraverso il canale Skype sono state  affrontate le seguenti tematiche: 

  • Sostanze inquinanti: sostanze pericolose e rischi per l'uomo e la natura;  
  • Plastica: Dalle isole di plastica alle microplastiche, ingresso nella catena alimentare. 

La videolezione è stata molto apprezzata dai partecipanti sia perché è stata per loro la prima esperienza di videochiamata in diretta con altri studenti, sia perché i loro “colleghi” delle scuole superiori hanno saputo usare un linguaggio adatto ai ragazzi più piccoli ed essere veri insegnanti per il loro spettatori. 

L’esperienza vissuta conferma quindi il principio della Peer Safety Education, secondo cui l'educatore coetaneo favorisce la credibilità e l’efficacia della comunicazione educativa. In questo caso gli studenti delle scuole superiori sono stati visti come modelli, attraverso i quali non solo acquisire conoscenze e competenze su salute, sicurezza e ambiente, ma anche modificare i propri comportamenti e i propri atteggiamenti sui possibili rischi legati alla vita quotidiana. 

Ora la sfida per i nostri ragazzi è quella di diventare a loro volta educatori per gli alunni del nostro Istituto: saranno chiamati a sviluppare degli elaborati da presentare nel contesto della giornata “Obiettivo Zero 2019”.

Stampa

Il tuo nome
Il tuo indirizzo e-mail
Oggetto
Inserisci il tuo messaggio ...
x